L’altra sera ero in pizzeria con alcuni amici di famiglia e prole al seguito. La figlia di una nostra amica è andata in tilt perchè non riusciva a decidere cosa mangiare…pizza o cotoletta? Niente da fare … paralisi decisionale… “non lo so cosa voglio” è stata la risposta ripetuta più volte al cameriere…al di là della simpatia e dell’ilarità che i nostri piccoli scatenano in queste situazioni..ecco svelato uno dei più grandi segreti che determinano il successo nel business.

Tutti i casi di successo aziendale, tutti gli imprenditori, in Italia e all’estero, che hanno ottenuto in passato e ottengono oggi risultati hanno alcune caratteristiche in comune. Queste caratteristiche hanno poco a che fare con le competenze tecniche, con il settore o mercato di riferimento e tantomeno con la fortuna ma hanno a che fare con il “comportamento degli individui” cioè dipendono dal modo in cui si comportano, in specifico hanno a che fare con il modo in cui vengono fatte le scelte.

La caratteristica che piu’ spicca in tutti gli imprenditori e in tutte le persone che ottengono risultati, infatti, risiede nell’abilità con cui queste persone riescono a prendere decisioni rapide, giuste o sbagliate che siano.

Anzi esiste una correlazione molto stretta tra chi decide in modo rapido, pur andando incontro a risultati poco soddisfacenti, e il livello dei loro risultati nel lungo termine.

Alla fine pare che propria questa capacità di decidere e fare scelte determini poi inesorabilmente il successo.

E non dovremmo stupirci piu’ di tanto.

Prendere decisioni e quindi scegliere di fare qualcosa porta all’azione che è l’unica strada per modificare lo stato in cui ci si trova.

Se una azienda oggi non ottiene risultati la prima cosa da fare è scegliere di fare qualcosa che fino ad ora non è stato fatto, occorre che l’imprenditore faccia una scelta o più scelte diverse da quelle che ha seguito fino ad ora.

Una domanda che dovremmo costantemente farci infatti dovrebbe essere: Cosa non sto facendo per ottenere quello che voglio?

Che si voglia o meno prendiamo decisioni e scegliamo in ogni momento della nostra vita tutti i giorni, l’uomo mediamente prende 30.000 decisioni al giorno di cui il 99,99% in modo inconsapevole, in modo automatico per abitudine.

Anche non decidere è di per se una scelta. La peggiore, in quanto ti mette in una situazione di inattività che non ti permetterà di cambiare la situazione.

Il 70% delle persone decide di non decidere, prima di prendere una decisione, prima di fare una scelta diversa da quelle fatte in passato cerca di prendere tempo e … non sceglie.

Il risultato?

Non riuscire a cambiare la situazione in cui ci si trova.

Oggi, in questo sistema economico in continua e rapidissima evoluzione l’abilità di prendere decisioni rapide è piu’ determinate che mai.

Prendere decisioni è una abilità che non ci hanno insegnato a scuola e ognuno quindi utilizza i suoi criteri e le sue esperienze che arrivano dal passato.

Questo purtroppo limita enormemente la capacità di prendere decisioni rapide.

Un team di persone che non prende decisioni è un team fermo.

Ma perché non si decide? Come mai le persone fanno cosi fatica a dire semplicemente si o no subito?

Il primo grande motivo è: Perché pretendiamo di fare la scelta migliore, la scelta giusta.
Ma perché vogliamo questo? Perché non sopportiamo l’idea di accettare un fallimento e quindi nel dubbio…non decidiamo. Ma sappiamo tutti che per imparare cose nuove, per migliorare, per cambiare occorre imparare e si impara solo sbagliando. Il fallimento è il prodromo dell’apprendimento.  Prendere decisioni sbagliate è normale occorre comprendere che è molto piu’ importante decidere, sbagliare e migliorare piuttosto che non decidere, non sbagliare e non migliorare in quanto oggi questo atteggiamento significa l’estinzione dell’ azienda.

Il secondo grande motivo è: non siamo allenati per farlo.
Dato che il 99,99% delle decisioni sono automatiche non ce ne rendiamo conto e ci facciamo guidare dalla nostre abitudini. Risulta importante quindi allenarsi a prendere decisioni. Decidere significa “DA TAGLIARE”, alleniamoci a cambiare abitudini diventeremo piu’ bravi a decidere.

Terzo e ultimo motivo: non decidiamo di decidere. Prima di prendere qualsiasi decisione è importante chiedersi se sei pronto a prendere una decisione.

Ecco quindi 3 consigli pratici da applicare per migliorare la nostra capacità di fare scelte vincenti, perché essere bravi a decidere e fare scelte è determinate per il futuro della tua azienda.

Primo consiglio: prendi la tua “meta-decisione” ossia scegli di decidere, prenditi il tuo tempo ma se devi incontrare una persona e devi prendere una decisione decidi prima dell’incontro che dirai SI o NO, elimina il CI DEVO PENSARE.

Secondo consiglio: metti per iscritto la tabella DARE/AVERE ossia cosa ti viene chiesto e cosa ti viene offerto in cambio.
Lo “scambio” deve essere equo per te, devi percepire equilibrio tra quello che ti viene chiesto e quello che otterrai.

Terzo consiglio: fatti sempre queste 4 domande:

  • Cosa succede se decidi di fare?
  • Cosa non succede se decidi di fare?
  • Cosa succede se decidi di non fare?
  • Cosa non succede se decidi di non fare?

Una volta risposto a queste domande potrai dire semplicemente SI o NO e sarà comunque una tua scelta vincente.

Buone decisioni a tutti!