10 segreti per “creare” più tempo a vostra disposizione

Quanti di voi hanno pronunciato, almeno una volta nella vita, la frase: “vorrei una giornata di 48 ore per poter fare tutto quello che dovrei!”? Se state pensando “almeno una volta al giorno” vi do una buona notizia: non preoccupatevi, siete in ottima compagnia.

Questa infatti è una delle principali idee distorte dell’uomo del ventunesimo secolo, il  dover trovare sempre più tempo per fare sempre più cose.

Vi dirò di più, questo fenomeno è talmente comune che a tal proposito è stata formulata anche una legge sociale, che stabilisce che il lavoro si espande fino a occupare tutto il tempo disponibile, inoltre più è il tempo a disposizione e più il lavoro sembra impegnativo.

Ed ecco la cattiva notizia: non è chiedendo più ore al giorno che risolverete i vostri problemi.

Più tempo avrete più ne sprecherete in attività inutili o dispersive, darete modo alle distrazioni di interrompervi, sarete meno concentrati e  a rischio errori.

La strana storia della pizza e della cotoletta e perchè saper decidere può farti fare la differenza sul mercato di oggi

L’altra sera ero in pizzeria con alcuni amici di famiglia e prole al seguito. La figlia di una nostra amica è andata in tilt perchè non riusciva a decidere cosa mangiare…pizza o cotoletta? Niente da fare … paralisi decisionale… “non lo so cosa voglio” è stata la risposta ripetuta più volte al cameriere…al di là della simpatia e dell’ilarità che i nostri piccoli scatenano in queste situazioni..ecco svelato uno dei più grandi segreti che determinano il successo nel business.

Tutti i casi di successo aziendale, tutti gli imprenditori, in Italia e all’estero, che hanno ottenuto in passato e ottengono oggi risultati hanno alcune caratteristiche in comune. Queste caratteristiche hanno poco a che fare con le competenze tecniche, con il settore o mercato di riferimento e tantomeno con la fortuna ma hanno a che fare con il “comportamento degli individui” cioè dipendono dal modo in cui si comportano, in specifico hanno a che fare con il modo in cui vengono fatte le scelte.

#imparare

Sir Winston Churchill diceva spesso: “il successo è l’abilità di passare da un fallimento all’altro senza perdere il proprio entusiasmo”, meno noto ai più è che il grande statista inglese ammoniva anche con grande saggezza che “il successo non è definitivo, il fallimento non è fatale, ciò che conta è il coraggio di andare avanti”.

Prima di tutto è importante comprendere che non basta, per gestire correttamente le implicazioni dell’insuccesso, vedere il fallimento come opportunità di miglioramento, come un’esperienza da cui imparare e andare avanti e meglio (che è già una gran bella cosa in confronto alla rassegnazione) occorre, oggi, andare oltre a questo concetto, occorre anche fare i conti con il successo, che è sua volta fonte di insegnamenti che dobbiamo imparare a osservare per apprendere, mentre di solito lasciamo scorrere via con soddisfazione e autocompiacimento.

Informiamo che in questo sito sono utilizzati “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche “cookies di profilazione” per esaminare le tue abitudini di navigazione e mostrarti quindi avvisi pubblicitari mirati e “cookies di terze parti”. Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l’informativa estesa (Clicca qui). Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.